Maestosa Pompei

Quando si parla di storia non si può competere con l’Italia , se solo fossimo capaci di preservare sarebbe meglio , ma rispetto a qualche anno fa siamo migliorati. Pompei è un luogo storico pieno di fascino e soprattutto uno dei posti più belli che i miei occhi abbiamo mai visto , se non ci siete andati accantonate per un attimo il viaggio esotico e immergetevi completamente in questo luogo sospeso nel tempo che è e deve essere uno dei fiori all’occhiello dell’Italia penisola..,,,Buona Domenica e Buon Viaggio 

Barumini , una Sardegna Diversa

Tutti conoscono la Sardegna per lo splendore dei suoi golfi , per la trasparenza e i colori delle sue acque , ma in pochi si avventurano al suo interno oer conoscere lo spirito indomito e la storia di quest’isola meravigliosa che cela ai più la sua storia .

Questo centro risalente al periodo Nuragico che in Sardegna si sviluppo tra il XIII e il V secolo a.c. oggi sotto la tutela internazionale dell Unesco , rappresenta uno dei meglio conservati ritrovamenti nuragici di tutta l’isola di certo uno dei più grandi e sicuramente il più conosciuto.  Barumini : questo piccolo paese all’interno dell’isola è sede del più grande complesso Nuragico dell’isola ” Su Nuraxi” , i Nuraghe sono sparsi in quasi tutta l’isola , ma a Barumini vi sentirete trasportati indietro nel tempo , in questo luogo perso nei secoli …….Buon Viaggio e Buona Settimana

Il Corpo Centrale con Il Resto del Nuraghe

Maya…..Chichen Itza

Questa parte di Messico , si presta a un viaggio “on the road” che può finire con qualche giorno di relax sulla parte Caraibica del golfo affacciato sul mar dei caraibi . Tra Mexcal e Tequila , tra una pietanza messicana e l’altra sorgono molti dei più bei siti Maya ,qui a circa ducento chilometri dalla capitale dello stato dello Yucatan , Merida , sorge la città  più imponente , il sito Maya più conosciuto al  mondo Chichen Itza. La grande Piramide simbolo di questo sito Archeologico , dedicata al grande capo Kukulkan, l’antico capo rappresentato dalla forma di un serpente. Durante il solstizio di primavera luce ed ombre pomeridiane creano un serpente in movimento che in circa trenta minuti scende sino alla base della piramide , uno spettacolo molto particolare dato dall’allineamento della Piramide. Il Sito di Chichen Itza  è sotto la protezione dell’Unesco è stato dichiarato patrimonio dell’umanità nell’ormai lontano 1988……comein tutti i siti culturali di epoche passate , questo luogo ha qualcosa di mistico e di surreale , un luogo incantevolmente incantato…….Buon Viaggio

,

Il Grande Buddha di Leshan China

Se al Monastero di Po Lin sull’isola di Lantau a largo di Hong Kong c’è la statua del Buddha in acciaio più grande del mondo , qui a Leshanc’è la statua del Buddha di pietra più grande del Mondo . Questo luogo è carico di spiritualità (anche se i turisti imperversano) , reso molto più selvaggio da una location in mezzo alla vegetazione .

Alla confluenza di due fiumi dalle acque turbolente  , nel 713 un monaco iniziò questa colossale costruzione scolpita nella roccia , lo fece perchè il Buddha calmasse le acque , diventate pericolose per la navigazione . Si dice che la massa di rocce smossa per la scultura abbia effettivamente cambiato il corso dei due fiumi e che oggi la navigazione risulta più tranquilla , la costruzione fù terminata quasi un secolo dopo dai discepoli del Monaco Haitong , la statua è alta circa 70 metri .Oggi la catena Montuosa che comprende anche il grande Buddha di Leshan è Patrimonio dell’umanità , ci sono solo due modi per visitare questa meraviglia , la prima classica , con un piccolo giro in barca prezzi accessibili , e la seconda ,certamente la più intrigante , percorrendo la Lingyuun Cliff Road , una scalinata che vi porterà ai piedi del Buddha. Se siete arrivati fino a qui , non demordete e osate , sarete certamente ripagati. Buona Domenica e Buon Viaggio

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Mohenjo-Daro Pakistan

Anche se questa zona oggi è quasi off limits ai più , e certamente non è possibile visitarla da semplice turista , sappiate cha a  circa 300 chilometri da Karachi sorge una delle più suggestive città della valle dell’Indo , gli abitanti locali che chiamano questa zona “La collina della morte” , difficilmente si aggirano tra le rovine di questa cittadella fortificata , quando nel 1922 si è scoperta furono trovate oltre duemila iscrizioni non tutte ancora decifrate dagli studiosi  , qui sorse una  civiltà semisconosciuta  nel terzo millennio a.c. , si stima che la capacità di popolazione fosse intorno alle settantamila unità , una delle più grandi città della valle appunto , Mohenjo-Daro è iscritto di diritto nei monumenti Patrimonio dell’Umanità .

Vista della Cittadella di Mohenjo.Daro