Ticino sempre più vicino

Meravigliosamente oggi ho fatto la mia prima uscita in MB per il parco che amo di più , quello del Ticino . Sono monotono, perché tutte le volte che ne parlo , penso sempre che questo parco andrebbe valorizzato di più , come del resto altro splendidi luoghi del nostro paese , ma oggi mi é servito per rifarmi gli occhi e il fiato. vi porterò ogni tanto con me tra i sentieri , molti , di questo splendido posto , magari qualcuno potrebbe decidere di farsi un giro per i sentieri ben segnalati e abbastanza semplici , adatti a tutti anche agli Hiker meno esperti , oggi è nuovamente popolato da una fauna importante , ci si possono incontrare cinghiali , cerbiatti , volpi e conigli di tutte le dimensioni   buona serata e come sempre buon viaggio

Tra Lupi e Faggi Secolari ” Il Parco della Majella” Abruzzo

Tra le province di L’Aquila , Pescare e Chieti  , si trova questo splendido parco naturalistico abruzzese , uno dei luoghi incantevoli di questa zona , qui ci sono oltre una trentina di vette , che superano i duemila metri , sino ai 2793 del monte Amaro . Qui tra vallate strepitose e sentieri boschivi , ci si può imbattere nei faggi secolari nel boschetto di Sant’Antonio e anche in qualche esemplare , sempre più di frequente di Lupo , a volte se si è particolarmente fortunati (dipende dai punti di vista) si può incontrare anche qualche Orso ne vivono qualche decina all’interno del Parco e non mancano i Cervi , che sono stati tra i primi grandi mammiferi a ritornare nella zona. Il Parco della Majella si sviluppa a Nord di Roccaraso , sull’appennino centro Meridionale , tra i vari sentieri , ce ne uno molto bello , alla ricerca di antichi Eremi , sono in tutto una quarantina e i percorsi adatti anche ai principianti , insomma questo è un parco decisamente bella , perché non passarci qualche giorno . Una buona serata e Buon Viaggio

 

La Cappella dei Falegnami Palermo 2018

Devo dire che parlare di questa città , oltre a piacermi mi fa stare anche bene , Palermo , la capitale Italiana della cultura 2018 è un piena di tesori nascosti , anche nei quartieri periferici e meno conosciuti . Questo luogo ha negli stucchi del Serpotta la sua punta di diamante , in questo ex  convento  , all’interno dell’oratorio si trova : La Cappella dei Falegnami , che fu anche sede storica dell ‘Università degli studi di Palermo . Qui ci troviamo in pieno centro storico , esattamente al 172 di Via Maqueda , una delle vie storiche del capoluogo siciliano ….Oggi finalmente c’è un pallido sole , forse ci siamo , buona primavera e Buon Viaggio

La chiesa di San Pietro a Gemonio Varese

Un questo week end piovoso senza tregua , siamo stati ospiti di una carissima amica in Valcuvia , avevo promesso a Barbara che saremo andati a trovarla prima della sua partenza per Tenerife , dove inizierà una nuova avventura della sua vita , durante il viaggio , ci siamo imbattuti in questa splendida chiesa del XV secolo dc . A Gemonio paese famoso , per aver dato i natali ad un noto politico , c’è questa splendida chiesa , giusto il tempo di fotografarla e poi via verso la Valcuvia , un luogo bellissimo , pieno di boschi appena sopra Varese . Mi dicevo proprio questo : quante volte ci capita , in questo splendido paese , di imbatterci in siti , magari sconosciuti ai più , ma che sono di una bellezza incredibile , che possono raccontarci secoli di storia , e che sono sparsi in tutto il territorio nazionale . L’Italia è un vero pozzo di San Patrizio (ieri si festeggiava anche il patrono d’Irlanda) , un paese meraviglioso e gli italiani che invece …….Buona serata e buon Viaggio

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Vigoleno (Pc) un borgo d’altri tempi

Un bel borgo con uno splendido maniero che con le sue mura cinge l’interno fatto di viuzze strette e piazzette meravigliose , come quella con la fontana , che nel cinquecento gli Scotti , fecero costruire per il bene comune . Vigoleno è una frazione del comune di Vernasca nel piacentino ,  il suo castello è in parte visitabile a pagamento , senza dover prenotare , mentre si può anche prenotare un tour con guida , ma ad orari prestabiliti , il borgo è piccolo , ma incantevole , molto bella anche la Pieve romanica di San Colombano del XII secolo.

vi segnalo i mercatini delle meraviglie dal 18 marzo , con cinque appuntamenti sino a giugno , il calendario lo trovate al sito : http://www.comune.vernasca.pc.it . e anche Vigoleno in festa , che si tiene nel penultimo week end di Luglio , un appuntamento gastronomico imperdibile per chi ama la cucina dell’alta Emilia , Pisarei e fasò su tutti….insomma un bel modo per passare una giornata fuori città in pieno relax , visitando un bellissimo borgo .buona giornata e Buon Viaggio

 

 

Artico a Milano

Se siete nella città lombarda e avete un oretta libera , allora potete fare un giro in triennale e andare a vedere la mostra “Artico” : Ultima frontier” una mostra con sessanta foto , sulla vita estrema degli inuit , tra Siberia e Groenlandia , il bianco è il colore predominante , tra villaggi e animali selvaggi in quella che è l’ultima frontiera , completano la visita due documentari su i tre fotografi che hanno realizzato gli scatti : Ragnar Axelsson , Carsten Egevang è l’italiano Paolo Solari Bozzi . Buona serata e Buon Viaggio

Whale Watching in Italia

Quante volte nella mia vita di adulto sono tornato bambino , molte devo dire , spesso in concomitanza con incontri con la natura selvaggia , spesso quando incontro animali che non potrei vedere dalle mie parti o semplicemente quando incontro una volpe mentre passeggio per i boschi dietro casa  . Qui però vogliamo parlare di cose grandi , enormi direi , i mammiferi marini , le balene , le orche etc . il mio primo incontro con i giganti del mare è avvenuto durante un escursione al largo di Byron Bay , al largo della costa del Queensland in Australia , ero giovane e questi mammiferi sono sempre stati tra i miei animali preferiti , ma nonostante la gioia del momento non sono rimasto molto soddisfatto , il secondo incontro invece è avvenuto in quel di Victoria capitale della Columbia Britannica , una cittadina meravigliosa , qui posso dire che oltre alla gioia , l’emozione ha talmente preso il sopravvento , che alla vista della prima orca ho pianto di gioia come solo un bimbo può fare . Ma non c’è bisogno di andare dall’altra parte del globo per poter vedere le Balene o i grandi mammiferi in generale (per le orche ahimè si). Da qualche anno anche nei nostri mari c’è la possibilità di vedere i grandi Cetacei in mare , il Santuario dei Cetacei , che si trova tra la Liguria la Sardegna e la Toscana offre questa possibilità , qui infatti in alcuni periodi dell’anno si possono avvistare : balenottere comuni , capidoglio , delfini e in alcuni rari casi anche Megattere e Orche . Abbastanza semplice organizzarsi , nelle tre regioni , tra i mesi di Maggio e Ottobre ci sono molte agenzie che organizzano visite guidate al Santuario dei Cetacei , in Liguria ce ne sono molte a Genova e qualcuna anche ad Imperia . Per chi ha bambini , questa è un alternativa favolosa alle solite attività (http://www.whalewatchliguria.it/turismo/) Un modo meraviglioso per imparare ad amare questi grandi Animali . E voi , avete mai avuto un’ esperienza del genere ? Buona giornata e Buon Viaggio

Curiosity Killed The cat ” La Porticella del Bramante”

Questo piccolo Portichetto  , aperto ai visitatori in rare , rarissime occasioni( bisogna prenotare quando sono aperte) ,si trova nel cuore del Castello Sforzesco a Milano .Dal portichetto si accede alle tre sale , dette “Salette Negre”(quando aperte sono accessibili direttamente dalla sala dell’Asse del Museo ) , pechè l’allora duca di Milano , passò dentro queste sale le due settimane di lutto , per la morte della moglie Beatrice D’Este . Se Siete a Milano non perdetevi questa chicca incredibile , piena di storia e di affreschi risalenti al periodo Sforzesco della città Lombarda …….Buona giornata e Buon Viaggio

11ter Storia Ponticella con Torre falconiera

Erice una vista sul “Mondo”

Un luogo che affonda le sue radici nei millenni di storia della Sicilia , che prende il nome dal Re degli Elimi  Erice . Di Questo popolo che visse nella sicilia occidentale ben prima di Greci e Fenici  , non si hanno moltissime informazioni anche se oltre alla fondazione di  Erice , fondarono altre città , tra le quali  la città di Segesta , altra perla di questa parte dell’Isola . Ne parlo volentieri poichè mio padre è nato da queste parti , esattamente a Valderice , io stesso , nonostante mi reputi un 205K , sento il richiamo delle mie radici e di alcuni luoghi in particolare come questa città arroccata sul monte omonimo . Qui tra strade di sassi e costruzioni secolari , tutto è pulito e ordinato , uno spettacolo le insegne che conducono ai siti più interessanti , le passeggiate tra le case basse e le strade lastricate sono piacevolissime tutto l’anno , anche se in primavera la sicilia diventa uno spettacolo per gli occhi . Il bellissimo castello di Venere all’interno del giardino di Balio , costruito dai Normanni nel XII sec  sulle rovine del tempio antico dedicato a Venere Ericina (culto molto diffuso nell’antichità) , offre un panorama mozzafiato sul Monte Cofano , la baia del Cornino da un lato e la Tonnara di Bonagia dall’altro , da qui si notano alcune torri , che una volta erano collegate al castello da un ponte levatoio e che oggi sembrano appoggiate semplicemente sulle asperità rocciose del monte Erice . Molti sono i negozi che vendono souvenir di ogni tipo , qualche ristorante e delle ottime pasticcerie dove degustare Cannoli e altre specialità di questa terra magnifica e ricca di storia ….Erice vale una visita anche di più giorni , luogo incantato che non vi deluderà…..Buon Viaggio

 

 

 

 

Una Passeggiata nel Bosco del Sorriso Oasi Zegna Biella Piemonte

Questo è solo uno degli splendidi itinerari a piedi che si possono percorrere all’interno dell’Oasi Zegna a Piatto nella provincia Biellese , un oasi verde e naturalistica voluta da Ermenegildo Zegna che già negli anni trenta pensava a preservare la natura , un pioniere non solo nella moda . Il Bosco del Sorriso regala una camminata piacevole adatta anche ai bambini , completamente immersa in un  bosco di faggi e Abeti rossi ; partendo dalla locanda Bocchetto Stassera , dopo un paio di chilometri si arriva in vista della splendida Alpe Montuccia , la particolarità di questo luogo è che  resta monitorato con la tecnica Bioenergetic Landscape , secondo al quale gli influssi degli alberi sono in grado di influire sul nostro organismo , infatti tra le efficiente segnalazione del parco troverete alcuni pannelli che vi indicheranno i punti più consigliati per beneficiare degli influssi del bosco . Insomma una passeggiata che in tutti i periodi dell’anno (in inverno è possibile praticare sci di fondo) è capace di regalare emozioni uniche…..ringrazieremo sempre il Maestro Zegna per questo luogo.Buona giornata Buon Viaggio