Nel cuore dell’Akagera National Park Rwanda

Queste sono le belle notizie che ci piacciono , in questo parco è possibile vedere nuovamente i Leoni . Il Ruanda , balzato alle cronache per la guerra etnica della metà degli anni  , aveva perso completamente la sua popolazione di leoni , durante quella pazza e insensata guerra , oltre alla pulizia etnica , c’è stata una vera e propria mattanza di  animali , tanto è vero che per qualche anno qui , prima della reintroduzione di un gruppo di Leoni proveniente dal Sudafrica non si sono più visti i leoni . Oggi invece in questo paese , tra le splendide colline del parco  Akagera è possibile vedere nuovamente i Big Five al completo , per la gioia dei ranger del parco , ma soprattutto dei viaggiatori indomiti che non hanno perso la speranza . Questo splendido parco , al confine con la Tanzania è riesploso con tutti i suoi colori e i suoi animali , ci sono tantissimi erbivori , gli unici cacciatori prima della reintroduzione dei leoni erano le Iene , quindi ippopotami e Elefanti , grandi bufali e zebre , coccodrilli del nilo e gazzelle di Thompson , giraffe e Antilopi , uccelli di tutti i colori e dimensioni , insomma il parco nazionale di Akagara è un polmone verde ancora quasi vergine . Quindi un viaggio , quello in Rwanda da inserire nelle vostre/nostre Bucket List , buona serata e Buon Viaggio

Whale Watching in Gibuti

Gli incredibili fondali di questo piccolo stato africano nel corno d’Africa , sono in grado di regalare splendidi incontri con i pesci più grandi del mondo : gli squali balena .Il Gibuti, vale il viaggio già solo per il suo immenso tesoro geologico , ma qui nelle acque cristalline è possibile nuotare con il gigante buono dei mari e già solo questo varrebbe il viaggio . Ci sono dei Tour Operator con particolarmente esperienza per questa destinazione , affidatevi a loro perché , qui  tra il Mar Rosso e il golfo di Aden che bagna anche le coste del vicinissimo Yemen (trenta chilometri di mare separano le due coste) , ci sono un sacco di luoghi meravigliosi  , buon pomeriggio e Buon Viaggio

 

Whale Watching in un’altro mondo

Abbiamo già parlato di quanto sia bello vedere i grandi mammiferi nel loro ambiente naturale , ci siamo avventurati in molti luoghi in giro per il mondo , dalle coste Australiane sino a quelle un po più fredde del Canada Occidentale , qui invece siamo nella punta estrema del continente Africano , seguendo una delle strade più affascinanti dell’intera Africa , quella Garden Route , che da Luglio a Ottobre diventa multicolore, grazie alla fioritura di migliaia di fiori selvatici multicolore . Qui Lungo questa splendida parte di costa , ci sono più punti dove vedere le Balene , alcune delle quali dopo aver migrato per migliaia di chilometri , vengono in queste acque a partorire i loro piccoli , più a ovest , verso città del capo , ci sono centri dove è possibile fare Whale Watching e non lontano dalla città di Hermanus , ricca di Balene tutto l’anno , si trova Dyer Island , famosa per le immersioni con i grandi Squali Bianchi , chiaramente protetti da gabbie di ferro , inattaccabili o no ? ….Uno splendido viaggio , da abbinare magari alla scoperta del Sud Africa o a un Safari in uno dei parchi naturali di queste splendide latitudini …..buona giornata e buon Viaggio

Chamarel le terre colorate di Mauritius

Ci Sono posti simili in Cina per esempio e anche in Perù , però le terre colorate di Chamarel sono un posto carino per un escursione che non sia mare , sull’isola di Mauritius , nella parte sud occidentale dell’isola a sud della capitale Port Louis . Alba e tramonto sono i momenti migliori della giornata per visitare queste terre , che in quei momenti i riempono appunto di colori , un po come accade per i canyon dei grandi parchi americani , non lontano dalle terre colorate ci sono anche le cascate di Chamarel , con un salto di novanta metri fanno la loro figura . Insomma tra le attività che non siano di mare questa è senz’altro la più bella tra le escursioni possibili a Mauritius ….Buona serata e Buon Viaggio

Monastero di Santa Caterina in Sinai Egitto

Siamo nell’Egitto dei Faraoni , nella zona desertica del Sinai , da queste parti sorge uno dei più interessanti Monasteri del paese Musulmano , dal 527 anni della sua fondazione da parte dell’Imperatore Giustiniano , ci vive una congregazione di monaci greci ortodossi . Solo tra il IX e il X secolo questo monastero fu dedicato a Santa Caterina , visto che i monaci raccontarono di aver trovato il corpo della Santa proprio vicino alle pendici del monte Caterina . Questo monastero vanta oltre duemila Icone religiose , e una biblioteca contenente una collezione di manoscritti del cristianesimo seconda solo a quella del Vaticano , ma non finisce qui , secondo quanto si dice , al suo interno si troverebbe parte del roveto dal quale Mosè udì la voce di Dio , insomma mica male per un luogo di culto . Bellissima anche la Basilica della trasfigurazione e il pozzo di Mosè , dove si dice , che lo stesso  abbia conosciuto la sua futura moglie la figlia di Jethro . Un bellissimo viaggio quello nell’antico Egitto , anche se oggi non è particolarmente consigliato , rimane una delle mete più affascinanti in assoluto …..buona giornata e Buon Viaggio

Safaga :Best colors underwater

Qualche chilometro a sud di Hurgada , si trova questa cittadina egiziana famosa , come del resto tutto il mar rosso per i meravigliosi fondali . Safaga è una delle località dell’Egitto più in voga in questo momento , i suoi fondali marini sono ricchissimi di grandi pesci e i colori della barriera corallina sono ancora meravigliosamente sgargianti , qui ci si può affidare a espertissimi centri per il Diving , ma anche soltanto con lo snorkeling , si può godere del meraviglioso mondo sottomarino . Safaga risulta essere una delle migliori mete al mondo per lo snorkeling , quindi , visto che qui sembra non arrivare la primavera , perché non trasferirci da quelle parti ? …..Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Abu Simbel l’Egitto Indimenticabile

Un sito storico a circa 500 chilometri a sud di Luxor , che deve il suo passato glorioso a uno dei faraoni più longevi e più potenti dell’antico Egitto , Ramses II che per celebrare il trentaquattresimo anniversario del suo regno fece costruire le statue che lo rappresentano seduto sopra il Tempio del sole . Ma se ancora oggi sono visitabili , lo si deve esclusivamente alla ferma volontà dell ‘ Unesco che nel 1964 durante la costruzione della diga di Assuan fece in modo che il sito fosse spostato in una zona più elevata , senza questo intervento forse oggi non sapremmo dell’esistenza di questo splendido sito luogo . Oggi si può visitare Abu Simbel con un bella crociera sul Nilo (per chi ama il genere ) visitare il Suk di Abu Simbel è un’esperienza quasi mistica e comunque da fare …..Buon Viaggio

download (1)

download