Le Mini Guide di Wolf ” Seattle “

In tanti conoscono la mia passione per gli States e per il continente Nord Americano in generale , Canada Compreso , ma chi mi conosce o ha imparato a farlo sa che ancor di più amo la parte Ovest del Continente , qui si trova la città di qui parliamo oggi in questa mini guida , Seattle , la città della pioggia , della Microsoft , della Boeing , della musica Grunge , di Sturbucks e Amazon e di tante altre cose . Prima di tutto voglio dirvi che ho iniziato ad amare Seattle ancor prima di Microsoft e del grunge , seguivo Shawn Kemp Gary peyton e Detlef Schrempf e i Seattle Supersonic (che oggi non ci sono più) e le meraviglie di quella splendida squadra di Basket che incantava nella Nba della fine degli anni 80 . Tornando alla città và appunto ricordata che si tratta quasi di un pozzo di San Patrizio , qui sono appunto nate la Boeing , la più grande azienda produttrice di Aerei  (visitabile) , la Microsoft di Mr Gates e il movimento Grunge , che ci ha regalato i Pearl Jam e i Nirvana su tutti . La città è una piccola metropoli moderna con tanti angoli e spazi verdi che la rendono un vero gioiello ,  offre molto e può essere utilizzata benissimo come base per un bel viaggio nelle zone limitrofe , qui siamo a circa due ore di auto da Vancouver , vicini molto vicini ai bellissimi parchi di North Cascades e Olympic National Forest , una floresta pluviale decisamente meravigliosa . Non perdetevi il simbolo della città : Space Needle in Broad Street , costruito per l’Expo del 1962 , da allora consente di ammirare la città e le aree circostanti dall’alto della sua terrazza a circa 180 metri d’altezza . Insomma Seattle è una città moderna e giovane che saprà conquistarvi sicuramente .

 

Hotels

Ci sono tutte le più grandi catene internazionali , con prezzi e standard , ma si possono trovare anche Motels economici , per quanto possa risultare economica una città come Seattle , potreste anche preferire dormire nelle zone limitrofe , come Tacoma (nella zona dell’aeroporto)  ricordate che qui si paga la tassa di soggiorno , cosa che ormai inizia rapidamente  a diffondersi non solo negli States , ma anche in Italia

Cibo

Siamo in America quindi si trova un pò di tutto , si può mangiare splendidamente e spendere tanto si può mangiare bene spendendo il giusto , a Seattle troverete di certo quello che vi piace di più , vi posso consigliare un paio di ristoranti Italiani dove si mangia decisamente bene , uno abbastanza caro , l’altro con prezzi nella media degli States , il primo è un locale elegante e con una cantina di tutto rispetto , si chiama Barolo , qui troverete un ambiente giovane e una cucina di buon livello , i prezzi nella media di un buon ristorante di Milano , il secondo non lontano dal Seattle Acquarium si chiama Etta’s Seafood , ottimo pesce e servizio degno di un buon ristorante , prezzi onesti per quello che si mangia pesce in tutte le salse e ben cucinato .

Trasporti

Il Sistema di trasporti di Seattle si stà velocemente mettendo al passo con la modernità della città , una metropolitana leggera , tram e autobus e soprattutto la splendida Monorotaia costruita per l’Expo del 1961 e oggi completamente automatizzata , la città non ha il traffico congestionato delle grandi città Americane ,quindi i trasporti risultano essere efficienti e puntuali , oltrechè innovativi , i taxi come in tutti gli Stati Uniti sono abbastanza economici e largamente diffusi , insomma ovunque vogliate andare a Seattle non farete molta fatica .

Da Non Perdere

Devo essere sincero , qui mi trovo molto bene , in generale in tutti gli Stati Uniti ho una sensazione di euforia che pervade la mia anima quindi sono ben predisposto verso gli Americani in generale , non che qui non ci siano pericoli , tutt’altro , ma qui a Seattle la vita scorre tra una pinta e un pezzo di musica grunge e forse anche il tasso di disoccupazione molto basso(sotto il 3%) rende l’atmosfera più tranquilla . Gli Spazi sono abbastanza ampi e la città è comunque a misura d’uomo , somiglia un pò a San Francisco specialmente nella parte del Waterfront  (anche se la baia di Frisco è un altra cosa) .

 

Space Needle dalla terrazza posta in cima si gode di una meravigliosa vista a trecentosessanta gradi sulla città , sulla sua Skyline , se il cielo è particolarmente terso potreste imbattervi all’orizzonte nel Mt Rainer , lo Space Needle fù costruito per l’expo del ’61 , oggi è uno dei simboli della città .

 

Pioneer Square La Piazza della Old Town di Seattle , con alcuni Totem e spazi dove ci si può fare anche una bella partita di scacchi (io non sò giocare ) , con scacchi di dimensioni “umane” , gli edifici della città vecchia contrastano i lussuosissimi grattacieli dell new town , un bel vedere.

Hammering Man All’esterno del museo d’arte di Seattle , troverete questa opera dell’artista J.Borofsky , alto cinquanta metri e decisamente un icona della città .

Marvin’s Garden in Titanic Ave , troverete questo giardino famoso soprattutto per la centennial Bell , nella torre che era il municipio di Seattle

Monorail Un giro in questo particolare mezzo di trasporto pubblico ve lo consiglio vivamente , sospesi a qualche metro da terra , comoda per andare e venire dallo Space Needle al centro cittadino , da noi non esiste nulla di simile e anche se il tragitto è breve non è una cattiva idea .

Hiriam M.Chittenden Locks se volete vedere i salmoni risalire il fiume , questo è il posto ideale in città , fuori dal movimento del centro con le sue vie trafficate , qui troverete un oasi di tranquillità immersa nel verde del parco .

Pike Place market Molti lo considerano il vero fulcro della città , per altri non è nient’altro che un Mercato e in effetti lo è , ma è molto folcloristico e si possono trovare un sacco di cose interessanti , per esempio io ho comprato a 2 dollari “Chronicle of the World ” un volume che pesa almeno dieci chili con la storia del mondo (fino alla fine degli anni 80 del novecento) in articoli di Giornale ……andateci si mangia anche bene e alcuni ristoranti hanno una bella vista sull’oceano

Conclusioni

Molto carina Seattle , tra le cose da fare , ma dipende dal tempo che avete , potreste decidere di passare una gioranta alla Boeing , o alla Microsoft o ancora visitare il primo bar di Sturbucks in tutti gli Stati Uniti (nel mondo di conseguenza) , potreste andare a cercare le vie e gli angoli remoti dove Eddie Wedder e i suoi Pearl Jam (li adoro) e Kurt Cobain con i suoi Nirvana hanno dato vita ad uno dei movimenti musicali più interessante degli Ultimi trent’anni , al Tacoma International Airport , lo scalo areoportuale di Seattle , troverete una gigantografia con la Storia del Seattle Boy più famoso , Jimy Hendrix , insomma Seattle è città giovane , ma piena di vita e soprattutto uno dei luoghi  ideali dove vivere …….Buon Viaggio

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lullaby of the Night

Qualche tempo fa parlando con qualcuno di voi , cercavo di spiegare come il Rock , anche quello più duro non solo ci ha regalato grandi pezzi di pura poesia , ma che soprattutto , le più belle canzoni d’amore e le ballate più belle  ce le hanno regalato proprio i grandi gruppi Rock , giusto per non contraddirmi vi auguro buona notte con un pezzone di David Coverdale e i suoi Whitesnake …..Buon Ascolto e Buon Viaggio

 

North America National Park part 8

Sequoia National Park California

Di fronte alla natura siamo piccoli , e talvolta non ce ne rendiamo conto , qui invece siamo costretti a prenderne atto . Il Generale Grant e il Generale Sherman ce lo ricorderanno , ma anche le loro sorelle. la Sequoia uno degli alberi più imponenti e longevi al mondo , in questo splendido parco ,parco nazionale dal 1890 il secondo per costituzione dopo Yellowstone , tra sentieri immersi nei boschi di sequoia , dove non è raro scorgere Aquile , e scoiattoli vi sentirete veramente come pollicino nella terra dei giganti , qui siamo sul monte Whitney il più alto degli Stati Uniti Continentali ,4421 mt  Sono stato quattro volte in questo parco , la prima nel 1992 , negli anni sono cambiate in meglio molte cose , sempre nel rispetto di questi magnifici alberi , il  Generale Sherman per esempio, oggi gode di un percorso segnalato e privilegiato che si trova all’interno della  Giant Forest ed è considerato il più grande Albero del mondo . Questo parco è insieme al King’s Canyon national park considerato un tutt’uno , entrando dalla Highway 198 vi capiterà di poter passare con la vostra auto in mezzo ad un tronco caduto chiamato “Tunnel Log ” ,  un luogo dove la natura è preservata , quindi andate piano , rispettate i limiti di velocità , e soprattutto tutelate voi e gli animali che vivono all’interno…..Buon Viaggio e Buona Giornata

per info : https://www.nps.gov/

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sign from the planet “Kangaroo crossing”

In tutte le strade Australiane fuori dalle grandi città troverete cartelli che indicano l’attraversamento dei canguri e non potrebbe essere altrimenti , in un paese dove i Canguri sono la maggioranza della popolazione , in un mondo dove c’è necessità di terra , vi è un continente grande 9 volte l’europa che ha la metà degli abitanti di Shanghai , benvenuti in Australia ….Buon Viaggio

 

Book of the night

Un bellissimo romanzo storico che però ingannerà il lettore che si sofferma solo sul titolo e l’immagine di copertina , un bellissimo libro che non ci mollerà in mezzo al nulla o meglio è proprio il nulla della brughiera che vi lascerà con il fiato sospeso sino all’ultima pagina …/buona lettura e Buon Viaggio

 

Librerie del Mondo “Livreria Lello Oporto”

Chissà quando entrerete in questo splendido luogo , e mentre vi apprestate a fare la scalinata pian piano che salite godrete  di un panorama splendido , non siete su una scogliera , su un altura , e neanche su una ruota panoramica , ma siete in una delle librerie più antiche e più belle del Portogallo , siete a Oporto in Rua das Carmelitas nel centro storico della Città . Questa splendida libreria è la seconda più vecchia di tutta la nazione è stata fondata nel 1869. Migliaia di volumi in un contesto decisamente meraviglioso per chi ama i libri e le pagine da sfogliare …..Buon Viaggio

L’interno Maestoso della Livreria de Lello

Pictures from the planet

Potrebbe sembrare un piccolo paese delle alpi scizzere o del Sud Tirol e invece siamo a Quebec City nello splendido stato Canadese del Quebec , il centro “storico” di questa città è costellato da angoli molto affascinanti e in alcuni tratti vi sembrerà di stare nei vicoli di Parigi o appunto in un paesino alpino 

Lullaby of the Night

Una settimana di fuoco è finita , io l’ho termianta al pronto soccorso per un malessere non specificato , ma sono a casa gli esami sono perfetti , meglio così , il malessere però c’e’ ancora , ma magari è solo un pò di stress , Luglio è un mese importante , ma anche triste ahimè . Senza protrarre oltre i piagnistei , vi regalo questa che è una chicca autentica di un gruppo che mi ha visto crescere e che ho amato e amo da quando ero un giovanissimo teen agers , peccato siano durati poco , ma Ian Curtis era un genio autentico , il loro Unknown Pleasures l’album di debutto , è il vinile più ascoltato in casa , nonchè il preferito di mia figlia Rebecca , che ha tre anni ….Buon Ascolto e Buona serata .

 

 

North America National Parks Part 6

Quante puntate ancora ci saranno di questa rubrica che tanto ci appassiona (rido) , molte , come molti sono i parchi del Nord America ancora da esplorare . Oggi ci concentriamo su quello che a parer mio è il più bel spaccato roccioso dello Utah .

 Bryce Canyon

Inutile dire che le guglie del Bryce all’alba sono uno spettacolo virtuoso , l’incontro del sole su questo anfiteatro naturale sono qualcosa di indescrivibile , io dico sempre che vedere l’aba al Bryce non ha prezzo , infatti l’unica volta che ho visto l’alba in questo splendido luogo , non abbiamo pagato l’ingresso perchè nessun rangers era ancora in servizio al nostro passaggio all’incirca alle 5 del mattino arrivando da Panguitch , quindi dalla 89 east e proseguendo per la 12 sino all’ingresso del parco appunto.Il punto di vista più suggestivo è quello di Inspiration Point , che dall’alto domina il parco , da qui le guglie all’alba assumono un colore roseo e violaceo , che diventa rosso infuocato ad un certo punto del sorgere del sole , ripeto , da togliere il fiato . Da qui se  avete voglia , e io ve lo consiglio vivamente , discendete i tornanti del Navajo Loop , che scendono  direttamente nel cuore del parco e si congiungono con altri percorsi che vi porteranno direttamente  in mezzo ai pinnacoli del parco , qui alle sei del mattino c’è ancora una temperatuta frizzantina , la discesa è sempre più facile della salita , ma ci penserete dopo .Seguendo il Navajo Loop vi addentrerete nel parco , godendovi l’anima dello stesso , per poi ritornare ad inspiration point , con calma perchè la salita sarà molto meno bella della discesa . Qui ci sono un pò di point of view nei quali conviene fare una fermata , come sunset point , che però appunto dovrebbe essere suggestivo al tramonto . molto bello anche il Natural Bridge , un arco naturale nel punto più alto del parco .Per gli amanti del Hiking questo parco vale oro , vi consiglio di prenotare per tempo l’alloggio in uno dei campground , o semplicemente di passarci almeno un paio di notti , non ve ne pentirete ….Buona Domenica e Buon ViaggioIMG_0781

DSCF1338
I Pinnacoli rosa all’alba
DSCF1345
la discesa nei tornanti del Navajo Loop
DSCF1370
Una passeggiata tra i pinnacoli
DSCF1375
Il Natural Bridge
205
l’Alba al Bryce

DSCF1376